July 2012

Rete in sicurezza

La gestione dell’immissione di corrente è molto più semplice con SMA Power Reducer Box

Da inizio 2009 i grandi impianti fotovoltaici devono partecipare alla cosiddetta gestione dell’immissione e della sicurezza di rete. Con Power Reducer Box, SMA è il primo produttore a offrire una soluzione affidabile per questo requisito.

Gestione dell’immissione e della sicurezza di rete è una formulazione altisonante per una situazione piuttosto semplice: da inizio anno i gestori di rete hanno la possibilità di ridurre in remoto la potenza di immissione in rete per impianti FV la cui potenza supera i 100 KW. Beninteso: solo per poco e solo nel caso in cui la sicurezza della rete lo richieda. La base per questa situazione è costituita dal par. 6 della Legge tedesca emendata sulle energie rinnovabili (EEG) nonché la direttiva, rielaborata nel 2008, “Erzeugungsanlagen am Mittelspannungsnetz” (Impianti di produzione nella rete a media tensione) del BDEW (Ente federale tedesco per il governo delle acque e delle energie) La soluzione appositamente sviluppata da SMA per questo scopo: Power Reducer Box. Questo dispositivo trasmette in modo rapido e affidabile i comandi del gestore di rete agli inverter e può essere integrato senza problemi in impianti fotovoltaici già esistenti o di nuova realizzazione.

Soddisfazione dei clienti

L’apparecchio è sul mercato da oltre nove mesi ed già in funzione, con successo, in oltre 50 impianti. La gamma spazia dagli impianti fotovoltaici di medie e grandi dimensioni sino alla seconda centrale fotovoltaica per grandezza della Germania. A essere soddisfatti sono i clienti, ma anche i rispettivi gestori di rete: Power Reducer Box è stata in tutti i casi accettata senza problemi quale soluzione per la gestione dell’immissione e della sicurezza di rete.

Funzionamento

Solitamente viene impiegato un ricevitore di segnali di comando a distanza in grado di ricevere tramite radiocomunicazione su onde lunghe i valori nominali prescritti dal gestore di rete e di inoltrarli tramite contatti a relè. Power Reducer Box valuta tali segnali, registra ogni modifica e invia i relativi comandi tramite rete al data logger SMA Sunny WebBox. I valori nominali prescritti vengono registrati anche qui e inoltrati agli inverter tramite bus di campo. La soluzione di SMA offre molti vantaggi:

1. Controllo sicuro
Tutte le modifiche di stato vengono registrate due volte. Su richiesta i dati del data logger SMA Sunny WebBox vengono trasmessi direttamente a Sunny Portal e sono pertanto interrogabili da tutto il mondo.

2. Installazione semplice
Alla consegna sono già preimpostati quattro livelli di limitazione tipici (100, 60, 30 e 0% della potenza di collegamento concordata), occorre immettere solo gli indirizzi IP degli apparecchi Sunny WebBox da gestire. Come per Sunny WebBox, anche Power Reducer Box è configurabile da qualsiasi posto del mondo tramite un collegamento a Internet. È così possibile assegnare alle massimo 16 combinazioni di segnale valori di potenza a piacimento per gli inverter, nel caso in cui il gestore di rete utilizzi più di quattro livelli standard o altri valori.

3. Scalabilità semplice
Con l’attuale firmware, Power Reducer Box è in grado di controllare fino a 50 Sunny WebBox, che a loro volta possono comunicare con un massimo di 50 inverter. Con un singolo apparecchio è possibile controllare centrali FV con un massimo di 2 500 inverter.

4. Idoneo per la teleregolazione esterna della potenza reattiva
In alternativa alla limitazione in remoto della potenza, è possibile attribuire alle 16 possibili combinazioni di stato anche valori per il fattore di sfasamento cos φ o per la potenza reattiva. In questo modo, Power Reducer Box consente la teleregolazione esterna della potenza reattiva richiesta da luglio 2010 nell’ambito della normativa sull’immissione in media tensione.

15 megawatt sotto controllo

Da gennaio 2009 Power Reducer Box è stata montata in oltre 50 impianti in tutta la Germania. Uno dei primi apparecchi è stato installato da Klaron Sechste Solar GmbH, gestore di un parco solare da 15 megawatt nei pressi di Köthen, in Sassonia-Anhalt: quattordici cabine in calcestruzzo con rispettivamente due inverter centrali SMA e trasformatore di media tensione sono distribuite sull’area di installazione mentre le stringhe principali CA convergono in una stazione secondaria. Insieme al ricevitore di segnali di comando a distanza, Power Reducer Box è montata in un armadio elettrico e controlla l’intero parco solare quando sono richieste le misure di gestione dell’immissione e sicurezza di rete.

Più comodità e controllo

Un ulteriore esempio: l’impianto fotovoltaico della società Betreibergesellschaft GSG Ingenieurbüro und Photovoltaik GmbH di Trüben, anch’essa in Sassonia-Anhalt. Fornisce 536 kW con 54 inverter Sunny Mini Central di SMA. Power Reducer Box ha sostituito qui provvisoriamente una soluzione per la gestione dell’immissione e della sicurezza di rete, come illustra l’amministratore delegato Klaus-Dieter Gräf: “Inizialmente avevamo tre contattori controllati direttamente dal ricevitore di segnali di comando a distanza ed era possibile staccare dalla rete solo l’intero impianto”. Tuttavia non vi era alcuna possibilità di comunicazione né una registrazione dei tempi di riduzione. La riattivazione era possibile solo manualmente e quindi ogni volta qualcuno doveva recarsi sul posto”. Con Power Reducer Box non ci sono più tutte queste limitazioni, motivo per cui l’azienda ha deciso di integrare il dispositivo anche nell’impianto da 350 kWp di Cobbelsdorf.

Pronti per il futuro

Non è ancora chiaro al momento come verranno risarciti i gestori di impianti per eventuali perdite di rendimento dovute alla riduzione prevista dalla gestione dell’immissione e della sicurezza di rete. L’indennizzo è fissato, a livello legislativo, dal par. 12 della legge EEG ma non vi sono indicazioni concrete per l’accertamento dei mancati rendimenti. La decisione spetta ora all’Agenzia federale delle reti a Bonn, che ha già ricevuto al vaglio diverse proposte da parte dei gestori di rete. Con Power Reducer Box di SMA la partecipazione dei grandi impianti alla gestione dell’immissione e della sicurezza di rete funziona senza problemi ed è tanto semplice quanto comoda. Grazie alla possibilità di teleregolazione esterna della potenza reattiva, gli impianti sono inoltre perfettamente preparati ai requisiti del futuro previsti dalla normativa sull’immissione in rete.

Sommario

  1. Soddisfazione dei clienti
  2. Funzionamento
  3. 15 megawatt sotto controllo
  4. Più comodità e controllo
  5. Pronti per il futuro

SMA utilizza i cookie per ottimizzare il funzionamento del sito e migliorare la tua esperienza sullo stesso. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o proseguendo la navigazione su questo sito in altra maniera acconsenti all’utilizzo dei cookie.
Per maggiori informazioni consulta la nostra informativa sulla privacy.